Positivo alla Salute: il rugby protagonista nella versione triestina del progetto

A Trieste “Positivo alla salute” viene condotto con quattro classi dell’Isis Dante e Carducci. Parla A. Trevisan
A Trieste “Positivo alla salute” viene condotto con quattro classi dell’Isis Dante e Carducci. “Abbiamo iniziato incontrando la psicologa dello sport Fulvia Merlak, che è anche la presidente dell’Uisp Trieste, con cui abbiamo parlato di doping ed etica sportiva – dice Alice Trevisan, coordinatrice locale del progetto – In seguito abbiamo scelto di spostare l’attenzione su sport minori per mostrare ai ragazzi la faccia divertente e socializzante dello sport”. In particolare gli studenti hanno approfondito la conoscenza del rugby, anche grazie all’esperienza di Alice, che fa parte della nazionale italiana di rugby femminile, impegnata in questi giorni nel Sei nazioni (la prossima partita si terrà a Bologna contro la Scozia).
“I ragazzi hanno potuto incontrare una squadra amatoriale triestina di rugby, hanno intervistato i giocatori, ponendo l’attenzione sui valori, il rispetto delle regole e degli avversari. Il rugby racchiude un forte valore sociale ed etico, è uno sport aggregante che permette di socializzare e raggiungere il benessere psicofisico”.
“Il prossimo appuntamento con la psicologa, sabato 5 marzo, si focalizzerà sull’autostima. Nel frattempo i ragazzi stanno lavorando ai materiali comunicativi per la campagna, di cui il video è sicuramente il più impegnativo. Al suo interno sarà possibile trovare le interviste ai rugbisti, con la loro versione di sport divertente, senza angoscia e ansia da prestazione. Inoltre, realizzeranno disegni e manifesti. I ragazzi sono interessati e ricettivi, alcuni inizieranno a seguire le partite di rugby, altri che frequentano le palestre purtroppo hanno avuto esperienze con integratori e simili, ma noi abbiamo voluto farli concentrare sull’aspetto positivo e ricreativo della pratica sportiva”. (Elena Fiorani)