maltepe escort alanya escort tuzla escort kartal escort porno sex escort ankara escort ankara bayan ankara escort ankara rus escort çankaya escort bedava jigolo jigolo olmak istiyorum jigolo basvuru jigolo sitesi jigolo ilanları ataşehir escort kartal escort kartal escort ataşehir escort maltepe escort escort bayan escort caddebostan escort escort esenyurt escort bayan izmir masöz izmir escort bayan izmir escort bayan ankara escort bayan ankara escort bayan
agar fancy text istanbul escort

La valutazione delle campagne contro il doping

L’Uisp, oltre all’impegno per garantire il diritto allo sport per tutti i cittadini, ritiene altrettanto doveroso garantirlo pulito. Di conseguenza, contrastare ogni forma di inquinamento farmacologico e di doping nello sport, anche quello amatoriale, è stato e sarà sempre uno degli obiettivi prioritari dell’associazione.

Partendo dalle esperienze di campagne di informazione condotte nelle scuole  (“Siamo sportivi, giochiamo pulito” – 1998)  e di progetti finanziati dalla Comunità Europea (“Dracula Doesn’t Drink Doping” – 2001), l’Uisp si è posta l’obiettivo di sensibilizzare i giovani su questi fenomeni e di valorizzare il loro protagonismo attivo nell’ideazione e realizzazione di campagne di comunicazione rivolte prima di tutto ai loro coetanei. Su questa base, sono stati sviluppati due progetti di informazione nelle scuole medie superiori, “Primaedoping” (2004) e “Asinochi-doping” (2006), nell’ambito della convenzione tra Commissione di vigilanza sul doping e Istituto Superiore di Sanità.

Nel 2008/2009 la parola è passata ai ragazzi delle scuole medie inferiori con “Mamma parliamo di doping” e nel 2010 con la campagna “Sport pulito/Inviati sul campo”, in cui gli studenti si sono trasformati in redattori per la realizzazione di un giornale di classe sui temi del doping e in particolare dell’uso e abuso di integratori proteici e additivi farmacologici. Nel 2015 sono nuovamente i ragazzi delle scuole medie superiori i protagonisti della campagna contro il doping e l’inquinamento farmacologico “Positivo alla Salute”.

Un dato qualitativo essenziale delle campagne e dei progetti realizzati dall’Uisp è costituito dalla possibilità di misurare l’efficacia degli interventi e la coerenza dei risultati rispetto agli obiettivi prefissati, soprattutto se uno di questi è la trasferibilità applicativa e la diffusione successiva. Nel corso degli anni la valutazione di efficacia è stata realizzata somministrando ai ragazzi test in entrata e uscita per misurare i cambiamenti intercorsi (con l’utilizzo di classi di controllo comparative escluse dal progetto) e contemporaneamente prevedendo questionari indirizzato ai genitori, agli insegnanti e agli allenatori.
Di seguito pubblichiamo i risultati delle principali campagne Uisp:

 

  • Al link seguente: “valutazione_primaedoping è possibile scaricare i risultati della valutazione del progetto “Prima&doping” (2004). IL DOPING A LIVELLO AMATORIALE: DIFFUSIONE DEL FENOMENO E ASSOCAgli studenti è stato chiesto di esprimere le proprie idee sullo sport, sul proprio corpo e sui diversi aspetti connessi all’utilizzo di sostanze per migliorare il proprio aspetto e/o le loro prestazioni attraverso la somministrazione di questionari in entrata ed uscita volti a valutare l’impatto della campagna e il cambiamento degli atteggiamenti.

 

  • Al link seguente: “valutazione_Mammaparliamodidoping è possibile scaricare il report di valutazione della campagna Mamma Parliamo di PresentazioniDoping (2008/2009).
    Gli strumenti utilizzati per valutare l’efficacia della campagna sono stati: interviste ai genitori realizzate dagli studenti all’inizio e alla fine della sperimentazione e questionari on-line al termine delle attività.

 

 

  • Al link seguente: “valutazione_SportPulito/Inviatisulcampo è possibile scaricare il report di valutazione della campagna “Sport Pulito/inviati sul relazione finale UISP 2010-1campo” realizzata nel 2009/2010 in 19 città d’italia. La valutazione di efficacia dell’intervento è stata realizzata attraverso questionari, ex ante ed ex post, rivolti agli studenti e riguardanti i loro stili di vita, e con interviste effettuate dai ragazzi ai loro genitori e agli allenatori